Ebbrezza di Noè

GIOVANNI COLACICCHI

GIOVANNI COLACICCHI
(Anagni 1900-Firenze 1992)

Ebbrezza di Noè
ante 1955
Olio su tela, 94 x 154,5 cm
Firmato e titolato sul retro: primo abbozzo per l’ebbrezza di Noè. Giovanni Colacicchi

«Ho voluto portare l’episodio biblico in una luce d’aria aperta e di caldo autunnale. Su un terreno che ho molte volte calcato con i miei passi. Il mito veduto con gli occhi. E i personaggi del mito, a parte lo sguaiato Cam, sono di stretta mia conoscenza» con queste parole Giovanni Colacicchi descrisse il grande olio su tela l’Ebbrezza di Noè datato 1955 del quale il nostro è il primo bozzetto preparatorio.

L’autunno è ben rappresentato in questo spazio aperto dove l’erba sta perdendo la brillantezza virando verso più pallide gradazioni mentre l’aria rarefatta tutto avvolge di un bagliore perlaceo. La scena è contesa fra Noè, disteso in un posa ardita che richiama la statuaria ellenistica come il Fauno Barberini, e il figlio Cam, proteso verso di lui nell’atto di denigrarlo.

Estratto della scheda della dott.ssa Chiara Fiorini nel catalogo della mostra “Metamorfosi del Nudo”, 2019.

INFORMATIVA PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (Cookies & GDPR). maggiori informazioni

Questo sito Web e i relativi strumenti di terze parti utilizzano cookie essenziali. Per ulteriori informazioni si prega di fare riferimento alla nostra politica sulla privacy (art. 13 del regolamento UE 2016/679).
Se desideri procedere oltre, fai clic su accetta.

Chiudi